In evidenza La Salute nel Piatto Siena

Margarine e grassi vegetali (olio di palma, olio di cocco, olio di colza, olio di cotone): come mai meglio evitarle?

David Busato
Written by David Busato

L’intervento della biologa nutrizionista  Dott.ssa Caterina Capperucci:

Siena. Olio di palma, olio di cocco e molto altro. Da tempo si dibatte sulla reale utilità. Abbiamo chiesto un parere per la nostra rubrica “La salute nel piatto” alla nutrizionista Dott.ssa Caterina Capperucci: “Ecco una delle risposte, afferma la Dott.ssa Capperucci – ripresa direttamente da uno degli ultimi libri di Anna Villarini[1]“:

“purtroppo nei prodotti industriali è molto comune l’utilizzo di grassi idrogenati; questi sono un prodotto alimentare di consistenza solida come il burro, a base di grassi principalmente vegetali, ai quali vengono aggiunti atomi di idrogeno mediante un processo chimico di “idrogenazione”… durante questo processo si producono degli acidi grassi trans. Numerosi studi hanno oramai dimostrato che i grassi trans risultano dannosissimi per la salute in quanto alzano i livelli di colesterolo LDL e diminuiscono quello HDL, aumentando il rischio cardiovascolare. Nel luglio 2002 la National Academy of Sciences degli stati Uniti ha confermato la tesi che gli acidi grassi trans sono di gran lunga più dannosi dei grassi saturi in relazione al rischio cardiovascolare … tuttavia questi  sono ancora utilizzati come ingredienti e quando in etichetta troviamo la scritta “acidi grassi non idrogenati” è pur sempre un’espressione vaga che non permette di sapere quali oli siano stati utilizzati. Alcuni oli vegetali utilizzati dall’industria alimentare contengono alte percentuali di grassi saturi che li rendono del tutto simili al burro:

  • olio di palma: circa il 50% di grassi saturi
  • olio di cocco: circa l’87% di grassi saturi
  • olio di colza: elevate quantità di acido erucico, che si accumula nel muscolo cardiaco, causando alterazioni
  • olio di cotone: circa il 26% di grassi saturi e il 52% di acido linoleico (che riscaldato ad alte temperature forma un acido grasso trans estremamente tossico)

Alla luce di queste informazioni si capisce perché è veramente difficile fare una scelta sana in questo reparto del supermercato e acquistare biologico in questo caso non ci offre nessuna garanzia in più! “

[1] Anna Villarini, (1965), biologa e specialista in Scienza dell’Alimentazione, vive e lavora a Milano. È ricercatrice presso il Dipartimento di Medicina Predittiva e per la Prevenzione della Fondazione IRCCS-Istituto Nazionale dei Tumori dove coordina alcuni studi di intervento alimentare. Collabora, inoltre, come nutrizionista con il “Day Service Ipertensione” della Medicina Cardiovascolare dell’Università di Milano, Fondazione IRCCS Ca’ Granda-Ospedale Maggiore Policlinico di Milano”.

 

About the author

David Busato

David Busato

Giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze Politiche e Documentazione e ricerca storica (entrambe a Siena). Docente. Collaboratore di Primapagina Chiusi, Lettera 43 e Qui Siena. Il suo motto, non originale, è "Fai quello che devi, accada quello che può...".