Attualità e Politica Cronaca Siena

Anpi, Arci, ISRSEC:”No alle provocazioni ed alle offese alla memoria”

David Busato
Written by David Busato

Su Facebook l’appello in vista del 25 Aprile

Siena. Anpi, Arci ed Istituto Storico della Resistenza Senese uniti contro il fascismo. Sulle pagine Facebook il post che in vista del 25 Aprile assume un significato molto particolare ed importante:”Non c’è nulla di nuovo nella forza politica che sta apprestandosi a sbarcare nel cuore della città. Non c’è nulla di nuovo se non il nome, ma c’è invece molto di vecchio, di sconfitto dalla storia e di cancellato dalla legittimità costituzionale. Nell’imporre alla città una sede intitolata a Rino Daus, a pochi metri dalla Sinagoga e nell’imminenza dell’ottantesimo anniversario dell’approvazione delle Leggi razziali, il neofascismo, approfittando di una infondata tolleranza delle istituzioni che presidiano la legalità costituzionale, si propone con un atto di provocazione che è in sé intrinsecamente fascista.

Rino Daus, a cui la sede verrà intitolata, appartiene alla stagione di quello squadrismo che uccise, incarcerò, torturò e umiliò, fin dal suo apparire, ogni forma democratica di resistenza, dimostrando da subito di quali intenzioni era armato il cosiddetto fascismo rivoluzionario, lo stesso a cui si richiama l’altra organizzazione, Casa Pound, che da qualche tempo ha sede in città.

Daus, che il regime celebrò come un martire, morì durante un’azione squadrista che i fascisti senesi, con la violenza che li distingueva, vollero compiere a Grosseto.

Se consideriamo che uno dei primi atti del Comune dopo la Liberazione fu di eliminare le intitolazioni a Daus e chiuderne il sacrario nella Cripta di S. Domenico, ci appare evidente la gravità di veder riapparire celebrato il nome, in offesa alla XII Disposizione della Costituzione repubblicana e alle leggi che regolano il reato di apologia di fascismo.

Le associazioni e i cittadini rifiutano con fermezza questa offesa alla legge e alla sensibilità democratica, e chiedono al Prefetto di mettere in atto le misure necessarie per impedire tale offesa, fra l’altro programmata nell’imminenza delle celebrazioni del 25 aprile”.

Comitato provinciale Anpi Siena

Istituto Storico della Resistenza Senese e dell’Età Contemporanea

Arci Siena

About the author

David Busato

David Busato

Giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze Politiche e Documentazione e ricerca storica (entrambe a Siena). Docente. Collaboratore di Primapagina Chiusi, Lettera 43 e Qui Siena. Il suo motto, non originale, è "Fai quello che devi, accada quello che può...".