Attualità e Politica Cronaca In evidenza Palio e vita di contrada Siena

Animalisti a Siena:”La città ha scoperto la democrazia. Il Palio morirà”

David Busato
Written by David Busato

Oggi manifestazione animalista a Siena. Meno manifestanti del previsto e gran numero di forze dell’ordine.

Siena. Uno scenario surreale. Una giornata difficile per i senesi. Da una parte alcune decine di manifestanti animalisti, dall’altra parte della strada, separati dalla lingua di asfalto,  un nutrito numero di senesi e contradaioli. Gli animalisti nell’area adibita per la mainfestazione,  l’oramai famoso “parcheggio dell’Acquacalda”, ed i senesi nelle zone circostanti, nella giornata che doveva essere dedicata al loro Palio. Il meteo, per paradosso, ci ha messo lo zampino facendo di tutto per far rinviare la Carriera a domani, e far si che tutta l’attenzione si riversasse su quel famoso parcheggio. Un numero nutrito di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza. Gli animalisti, in un numero inferiore alle attese (intorno ai 70/100 manifestanti), già consci della loro “vittoria”, arrivati alla spicciolata dalle 15 del pomeriggio, hanno srotolato striscioni ed iniziato ad intonare, alla presenza di numerosi giornalisti e fotografi, slogan e cori. Il Presidente del Partito Animalista Europeo, arrivato scortato dentro un mezzo della polizia, su Facebook ha postato e ripetuto ai giornalisti presenti: “Da oggi il Palio non è più intoccabile. È l’inizio di un vero cambiamento storico”. Difficile dargli torto. Si discuterà ancora a lungo sull’opportunità o meno di concedere l’autorizzazione alla manifestazione, ma l’evento di oggi è comunque indicativo. Si discuterà anche sui numeri, classico di ogni mainfestazione. Si parlava di 200 manifestanti in arrivo e la realtà è stata inferiore. La sensazione è che se anche ci fossero stati dieci animalisti, l’effetto sulla città sarebbe stato lo stesso. Momenti di tensione ci sono stati, ma il duello è stato verbale. Momenti di tensione e di discussione anche con i giornalisti senesi presenti. I Senesi ed i contradaioli, offesi e “privati” oggi, del loro Palio per il rinvio, hanno intonato più volte il tradizionale Canto della Verbena. Gli animalisti con cori come “Vergogna”, “animali liberi”, “Il Palio morirà”. Da oggi, i senesi e contradaioli, guarderanno con occhi diversi quel parcheggio periferico di Siena.

David Busato

 

20150816_160621 20150816_155659 20150816_162102 20150816_155419

About the author

David Busato

David Busato

Giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze Politiche e Documentazione e ricerca storica (entrambe a Siena). Docente. Collaboratore di Primapagina Chiusi, Lettera 43 e Qui Siena. Il suo motto, non originale, è "Fai quello che devi, accada quello che può...".