Comunicati Stampa Istruzione ed Università Siena

A Siena è ITS show: oggi lezione spettacolo ai ragazzi delle scuole superiori della Toscana Sud

David Busato
Written by David Busato

Dopo l’evento di ieri a Scandicci, oggi la presentazione a Siena dei sette ITS attivi in regione
SIENA. Riceviamo e pubblichiamo:”Stabilire un contatto diretto fra imprese in cerca di figure specializzate e giovani con competenze qualificate ed altamente spendibili nel mondo del lavoro. Ecco la formula vincente degli ITS, Istituti Tecnici Superiori che propongono una specializzazione biennale post diploma in ambiti considerati strategici per lo sviluppo e l’economia del Paese. L’appeal tecnico-pratico degli ITS è stato confermato questa mattina, giovedì 6 aprile, all’auditorium di ChiantiBanca a Monteriggioni (Siena), dove le sette Fondazioni ITS attive sul territorio della Toscana nelle sei aree strategiche individuate dal Miur si sono presentate a circa 280 ragazzi delle classi IV e V degli Istituti superiori “Sarrocchi”, “Caselli” e “Ricasoli” di Siena, “Cennini” di Colle di Val d’Elsa e Istituto agrario “Leopoldo II di Lorena” di Grosseto. Scienze della vita, agroalimentare, efficientamento energetico, beni culturali, meccanica, moda, mobilità sostenibile e tecnologie per il made in Italy sono le aree su cui gli ITS stanno portando valore aggiunto in termini di formazione e creazione di lavoro.

La lezione-spettacolo. A introdurre i ragazzi nel mondo ITS e in un mercato del lavoro in continua evoluzione è stata la lezione-spettacolo “ITS my life”, portata in scena, in maniera interattiva e multimediale, dallo showman Corrado Boldi della compagnia Teatroeducativo.it. Durante l’evento sono interventui sul tema anche l’assessore del Comune di Siena, Stefano Maggi, che ha portato i saluti dell’ammnistrazione; il direttore di Confindustria Toscana Sud delegazione Siena, Antonio Capone, e Maurizio Serafin dell’ITIS “Sarrocchi“. Ampio spazio è stato lasciato alle testimonianze: aziende, corsisti attuali ed ex allievi ITS già occupati a pochi mesi dal diploma.

Le storie degli allievi. Hanno raccontato la loro esperienza Agnese Lorenzo, di ITS Vita, settore life sciences e nuove tecnologie della vita; Nicolò Mangini, per ITS Eat, dedicato all’eccelenza agrolimentare toscana; Alessio Spadaro, allievo ITS Energia e ambiente, area efficienza energetica, e Giovanni Salvietti dell’ITS Tab, area tecnologie innovative per i beni cultruali e il turismo. In rappresentanza delle aziende, partner strategici per gli ITS, hanno raccontato il loro coinvolgimento nei percorsi e negli stage offerti ai ragazzi Marco Berni, per Consorzio produttori Latte Maremma, Simone Villani, General Manager di CTP System, e Michele Vannuccini, direttore tecnico di Erre Energie. Con lui, Mauro Petreni, tra i primi diplomati dell’ITS Energia e ambiente, che proporio in Erre Energie, dove ha svolto lo stage, ha trovato lavoro.

Gli ITS in Toscana. Attivi in Italia dal 2011 su iniziativa del MIUR, gli ITS sono percorsi di specializzazione tecnica post diploma, riferiti alle aree considerate prioritarie per lo sviluppo economico e la competitività del Paese. Sono costituiti in Fondazioni e progettati in collaborazione con imprese, università/centri di ricerca scientifica e tecnologica, enti locali, sistema scolastico e formativo. Gli ITS toscani sono sette: ENERGIA E AMBIENTE, Tecnologia ed efficienza energetica (Colle di Val d’Elsa); ISYL, Italian Super Yacht Life (Viareggio); VITA, Nuove tecnologie della vita (Siena); EAT, Eccellenza Agro-alimentare Toscana (Grosseto, Firenze); MITA, Made in Italy Tuscany Academy (Scandicci); PRIME, Manutenzione Industriale (Rosignano Marittimo, Firenze, Pistoia); TAB, Turismo, Arte e Beni culturali (Firenze, Arezzo, Siena).

PER APPROFONDIRE

LA MISSIONE DEGLI ITS

Gli ITS sono la risposta italiana alla domanda delle imprese di nuove ed elevate competenze tecniche per promuovere i processi di innovazione e trasferimento tecnologico, nella logica di Industria 4.0. L’obiettivo degli ITS è quello di formare Tecnici Superiori in grado di inserirsi nei settori strategici del sistema economico – produttivo. Accedono ai percorsi, a seguito di selezione, i giovani e gli adulti in possesso di diploma di istruzione secondaria superiore e coloro che siano in possesso di un diploma quadriennale di istruzione e formazione professionale e che abbiano frequentato un corso annuale integrativo di istruzione e formazione tecnica superiore.

Le aree tecnologiche degli ITS sono sei:

AREA 1 – Efficienza energetica
AREA 2 – Mobilità sostenibile
AREA 3 – Nuove tecnologie della vita
AREA 4 – Nuove tecnologie per il Made in Italy
AREA 5 – Tecnologie innovative per i beni e le attività culturali – Turismo
AREA 6 – Tecnologie della informazione e della comunicazione

LE CARATTERISTICHE DEI CORSI ITS

Almeno il 30% della durata dei corsi è svolto in azienda stabilendo subito un legame molto forte con il mondo produttivo attraverso stage anche all’estero. Il corpo docente proviene per almeno il 50% dal mondo del lavoro.

I corsi si articolano di norma in quattro semestri (1800/2000 ore) e possono arrivare fino a sei semestri.

I corsi si concludono con verifiche finali, condotte da commissioni d’esame costituite da rappresentanti della scuola, dell’università, della formazione professionale ed esperti del mondo del lavoro.

IL TITOLO DI STUDIO – ITS

Al termine del corso si consegue il “Diploma di Tecnico Superiore” con la certificazione delle competenze corrispondenti al V livello del Quadro europeo delle qualifiche – EQF. Per favorire la circolazione in ambito nazionale ed europeo, il titolo è corredato dall’EUROPASS diploma supplement. I diplomi sono rilasciati dall’istituzione scolastica ente di riferimento dell’ITS sulla base di un modello nazionale, a seguito di verifica finale delle competenze acquisite dagli studenti che hanno frequentato almeno l’80% della durata complessiva del corso.

About the author

David Busato

David Busato

Giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze Politiche e Documentazione e ricerca storica (entrambe a Siena). Docente. Collaboratore di Primapagina Chiusi, Lettera 43 e Qui Siena. Il suo motto, non originale, è "Fai quello che devi, accada quello che può...".