Attualità e Politica In evidenza Interviste Siena

Siena. Politica. Piccini:”Lavoreremo contro la comunità del rancore per mettere insieme quella della cura con la comunità del fare”

David Busato
Written by David Busato

Intervista all’ex sindaco di Siena

Siena. Politica senese scoppiettante in quest’ultimo periodo. Da una parte e dall’altra. Liste civiche, partiti, futuro della città, attacchi a Neri ed altro. Ne abbiamo parlato con l’ex Sindaco di Siena, Pierluigi Piccini, da sempre attento alle dinamiche della città.

1) Dottor Piccini, gli attacchi recenti a Neri,  un commento.

Francamente mi interessano poco sia gli attacchi del Neri, sia gli attacchi al Neri. Sono piccoli sassi lanciati nello stagno che fanno modesti cerchi. Se la vedano loro.

2) Il “vecchio” ed il “nuovo” a Siena ed in Italia, un tema ricorrente in Politica.

Sono categorie vuote e come si è visto il nuovo ha bisogno del vecchio e il vecchio del nuovo. Il vero problema è chi è innovativo nella capacità di cambiare i processi della società, quelli reali, concreti. Per me l’innovazione passa attraverso il troncamento dei blocchi sociali conservatori e nella rottura delle rendite di posizione la dove si annidano. Nuovo è chi è abile nel fare analisi corrette della realtà dove si trova ad operare e ha la capacità di romperle aggregando soggetti che hanno una visione innovativa dei e nei processi sociali. Nella nostra realtà, ormai, è fin troppo chiaro come ha funzionato il blocco sociale conservatore costruito dal Pd e come tutta una serie di categorie sociali si siano subordinate a tale logica. Oggi la situazione è completamente diversa: la crisi drammatica prodotta dal Pd non permette più a questi di coagulare intorno a se parti consistenti della comunità senese e a causa di ciò si sono liberate risorse importanti: la necessità le ha liberate, ma queste hanno bisogno di trovare un progetto credibile per il futuro, chi lo saprà fare, sarà vincente. In questa logica il Pd e i suoi rappresentanti sono in confusione mentale, anche per le questioni nazionali e le divisioni interne; l’opposizione cittadina, per il momento, non si pone neppure il problema, è lì a fare le sommatorie dei voti potenziali fra le varie combinazioni possibili, con un vecchio modo di fare politica.     

3) La sua idea di Siena nel futuro

Senta per rispondere a questa domanda ci vorrebbe molto spazio, le posso dire che da dopo Pasqua inizieremo in più persone a entrare nel merito. Le posso dire, comunque, che al di là dei contenuti che ci saranno al momento giusto, lavoreremo contro la comunità del rancore per mettere insieme quella della cura con la comunità del fare.

4) È possibile trovare un candidato unico in quell’area antagonista al Pd?

In parte le ho risposto già  nella domanda precedente. Il Pd, innanzitutto, non è il Pd di qualche settimana fa e questa non è cosa da poco. Al di là della facciata le dinamiche fra gli iscritti al vecchio Pd e nella sinistra nel suo insieme sono più complesse di quanto possa sembrare. Oggi, in generale, non abbiamo bisogno di politici a caccia di voti a tutti i costi e con tutti i mezzi. Di politici che decidono le alleanze in base al numero di voti registrati nelle elezioni precedenti, che potrebbero essere utili per un negoziale secondo turno. La nostra comunità ha bisogno di pensieri lunghi, ma lei li vede in giro?   

5) Liste civiche e/o partiti… un commento

Mettiamola in un altro modo: contenuti, persone credibili, capaci ed elettori, cercando di recuperare alla vita cittadina quelli che non vanno più a votare, cosa le sembra?

6) Molti senesi la ricordano come il bravo Sindaco di una Siena che,  per vari motivi, non esiste più. È possibile ricreare un modello appetibile e vincente?

Certo che è possibile, ci sono tutte le potenzialità per farlo, una grande sfida per tutti i senesi:  dimostrare che nonostante tutto, Siena è in piedi e guarda diritta in faccia il suo futuro

David Busato

About the author

David Busato

David Busato

Giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze Politiche e Documentazione e ricerca storica (entrambe a Siena). Docente. Collaboratore di Primapagina Chiusi, Lettera 43 e Qui Siena. Il suo motto, non originale, è "Fai quello che devi, accada quello che può...".