Attualità e Politica Comunicati Stampa In evidenza Val di Chiana

Palazzini (CasaPound Toscana): “Imbrattate, questa notte, quattro sedi. Gli antifascisti esecutori, ANPI e Rossi mandanti morali”

David Busato
Written by David Busato
Lucca, Pescia, Pistoia e Grosseto le sedi coinvolte
Chianciano Terme , 10 settembre. Riceviamo e pubblichiamo:”Quattro sedi di CasaPound Toscana sono state vandalizzate, nella notte, da militanti antifascisti. Le sedi di Lucca, Pescia, Pistoia e Grosseto hanno subìto imbrattamenti con letame e vernice rossa mentre tutti i militanti di CPI sono impegnati nella Festa Nazionale di Chianciano Terme e sui luoghi del recente terremoto.

“Evidentemente in Toscana esiste qualcosa simile alla mafia: si chiama antifascismo. E come la mafia – dichiara il Responsabile Regionale di CasaPound Toscana Eugenio Palazzini – colpisce sempre di notte e alle spalle. Questo è il livello dell’estrema sinistra toscana. I ‘soliti ignoti’ sapevano che CasaPound Italia era impegnata ad Amatrice per il terremoto e a Chianciano Terme per la festa nazionale del movimento ed hanno aspettato che fossimo a centinaia di chilometri di distanza per colpire muri, vetrate e saracinesche: la gravità nonché l’infamia del gesto e la codardia di chi sa che non avrebbe rischiato di trovare qualcuno ricordano tantissimo gli attentati della mafia contro chi si rifiuta di pagare il pizzo.”

“Questa – continua la nota del Coordinatore Regionale di CP Toscana- è la conferma di come l’antifascismo sia incapace di creare un qualche progetto credibile, ma è anche la conferma che se gli antifascisti sono gli esecutori materiali, ci sono anche mandanti morali ben precisi che prima provocano ad arte questo clima di odio e tensione salvo poi starsene zitti e guardandosi bene dal condannare i danneggiamenti.”

“Così come Enrico Rossi e l’ANPI hanno più volte chiesto che ci fosse impedito di organizzare la nostra tre giorni nella città termale – conclude Palazzini – sarebbe gradita una parola o un gesto di solidarietà nei nostri confronti e di condanna per i vigliacchi, ma siamo certi che si chiuderanno in un silenzio tanto assordante quanto eloquente sul loro pensiero. Comunque di una cosa possono esseri sicuri già da ora, cioè che a questi gesti CasaPound risponderà come sempre: con l’impegno, il volontariato e l’aiuto concreto agli italiani. Nel frattempo i nostri militanti, ripartiti da Chianciano, hanno provveduto o stanno provvedendo a ripulire le sedi.”
CasaPound Italia Toscana
 
Coordinatore Regionale: Eugenio Palazzini
[in allegato le foto delle quattro sedi imbrattate]

About the author

David Busato

David Busato

Giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze Politiche e Documentazione e ricerca storica (entrambe a Siena). Docente. Collaboratore di Primapagina Chiusi, Lettera 43 e Qui Siena. Il suo motto, non originale, è "Fai quello che devi, accada quello che può...".