Attualità e Politica Siena

Chiusura scuola infanzia Scotte. Interrogazione urgente di Porcellotti e Bufalini

David Busato
Written by David Busato

Siena. Riceviamo e pubblichiamo:”Siena lì, 15.03.2016,  Al Presidente del Consiglio  di Siena

OGGETTO: Interrogazione con carattere di urgenza ai sensi dell’art. 31 dei Consiglieri Comunali Stefania Bufalini e Gianni Porcellotti del Gruppo PD relativa alla chiusura della Scuola dell’Infanzia ospedaliera del policlinico “Santa Maria alle Scotte” di Siena.

I sottoscritti Consiglieri rivolgono la seguente interrogazione urgente di cui all’oggetto:

Premesso che la Scuola in Ospedale garantisce ai bambini/ragazzi ricoverati, dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di 1° grado, il diritto al gioco, allo studio, alla socializzazione , offrendo “la possibilità di giocare, divertirsi e lavorare in maniera adeguata alla loro età e condizione di salute” (Carta dei diritti dei bambini e delle bambine in ospedale-UNESCO);

Considerato che l’obiettivo primario è quello di offrire ai degenti una costante e positiva accoglienza, per attenuare il disagio dell’ospedalizzazione, offrire loro un ambiente sereno e gioioso che li aiuti ad adattarsi alla nuova situazione e a gestire le proprie paure ed emozioni;

Considerata la notizia di chiusura della sezione infanzia della scuola ospedaliera di Siena, pubblicata sul sito dell’istituto Comprensivo “Mattioli” e  gli articoli apparsi negli ultimi giorni sui media che illustrano il provvedimento emanato dall’Ufficio scolastico regionale per la Toscana (Ufficio IV Gestione del personale della scuola), in attuazione di determinazioni adottate a seguito della procedura di valutazione delle esigenze di funzionamento delle scuole ospedaliere;

Considerato il nuovo piano regionale di programmazione, pubblicato in data 17 febbraio scorso dall’Ufficio scolastico regionale  per la Toscana;

Considerato che la scuola in ospedale è una scuola atipica, importantissima come sostegno, supporto e collaborazione per i bambini, soprattutto quelli più piccini, costretti a vivere la condizione ospedaliera;

Ritenuto di fondamentale importanza la necessità di tutelare l’infanzia (utenti di fascia 3/6 anni) che rimarrebbero privi di qualsiasi opportunità didattico-educativa, nonché di una costante e continua accoglienza, pur non essendo la scuola dell’infanzia considerata scuola dell’obbligo;

CHIEDONO di CONOSCERE

Se il Comune di Siena abbia intrapreso od intenda tempestivamente intraprendere atti per affrontare questa problematica rilevante in tema di dignità del malato”.

 

 

I Consiglieri Comunali

 

Stefania Bufalini         Gianni Porcellotti

About the author

David Busato

David Busato

Giornalista pubblicista dal 2008. Laureato in Scienze Politiche e Documentazione e ricerca storica (entrambe a Siena). Docente. Collaboratore di Primapagina Chiusi, Lettera 43 e Qui Siena. Il suo motto, non originale, è "Fai quello che devi, accada quello che può...".